Casa | Blog | Uccelli fantastici del Borneo | e dove trovarli

Uccelli fantastici del Borneo | e dove trovarli

Quando non esploriamo l’oceano, guardiamo in alto nel cielo un’altra popolazione naturale del Borneo, molto diversa ma altrettanto affascinante. Gli uccelli del Borneo comprendono specie stanziali e migratorie, con 688 specie registrate fino ad oggi. 60 di queste specie sono endemiche dell’isola, il che significa che non le vedrete in nessun altro luogo del pianeta!

Uccelli fantastici del Borneo

Casa Uccelli

Le foreste di pianura del Borneo ospitano 8 specie di bucero, 18 di picchio e 13 di pitta. I buceri sono culturalmente importanti nella regione, soprattutto per le comunità Dayak del vicino Sarawak. Qui nel Sabah, è frequente avvistare questi magnifici uccelli lungo il fiume Kinabatangan e all’interno del Rainforest Discovery Centre. Tuttavia, non sono solo importanti dal punto di vista simbolico, ma sono anche dei dispersori di semi vitali per gli alberi di fico in tutta l’area.

Visitatori

Ogni anno il Borneo è visitato da una moltitudine di specie di uccelli provenienti da climi temperati che migrano per svernare qui. La maggior parte dei migratori è costituita da uccelli acquatici, ma sono presenti anche rapaci come lo Sparviero giapponese e il Falco pellegrino. I visitatori della foresta includono il Pettirosso blu siberiano e la Pitta dalle ali blu.

Uccelli mattinieri

Come sa un esperto o un appassionato di birdwatching, la mattina è ottima per gli avvistamenti. Il coro dell’alba, ovunque sul pianeta, è un fenomeno naturale meraviglioso e la regione del Sabah non è da meno. Tra i primi uccelli che potrete avvistare c’è un’ampia gamma di specie di Pitta, tra cui la Pitta dal cappuccio, la Pitta dalla corona nera e la Pitta gigante. E sicuramente sentirete i picchi tra i suoni!

Gufi notturni

Le escursioni notturne riveleranno un’altra dimensione dell’avifauna della regione. Memorabili gli avvistamenti del gufo pescatore Buffy sul fiume Kinabatangan. Come la maggior parte delle specie di gufi, questi uccelli predano di notte, quindi vederli in azione sarà un’attrazione per ogni appassionato naturalista.

Dove trovarli | Uccelli del Borneo

Il Sabah ospita una serie di località protette che ospitano molte delle specie di uccelli del Sabah: il Parco nazionale di Kinabalu, l’Area di conservazione della Danum Valley e la Riserva di Tabin. Oltre a questi, abbiamo evidenziato tre dei luoghi più popolari per il birdwatching facilmente raggiungibili da Sandakan. Verso l’est del Sabah si trovano tre luoghi fantastici per assistere e sperimentare la vasta popolazione di uccelli dell’isola.

Il Centro di scoperta della foresta pluviale

Questa risorsa di educazione ambientale si trova ai margini della riserva forestale di Sepilok. Dalla sua incarnazione, alla fine degli anni ’90, di centro puramente educativo, si è trasformato in una destinazione turistica completamente attrezzata. Che il vostro interesse sia la flora o la fauna, i mammiferi o gli uccelli, qui lo troverete. I sentieri consolidati rendono estremamente accessibile la navigazione in questa parte della foresta pluviale di pianura. Inoltre, la passerella a baldacchino e la torre di osservazione sono l’ideale per chi cerca di vedere le numerose specie di uccelli che si trovano in quest’area. Cercate di individuare la ghiandaia crestata, la testa di setola del Borneo e il minivet scarlatto.

Fiume Kinabatangan

È il secondo fiume più lungo della Malesia. Nonostante le parti superiori del fiume siano colpite dal disboscamento e dalla deforestazione, le foreste di pianura e le paludi di mangrovie sono un santuario per una vasta gamma di uccelli, mammiferi e rettili. Da tenere d’occhio sono il pigliamosche della Malesia, il bucero orientale e il falconetto dalla fronte bianca. Potreste anche vedere una cicogna delle tempeste – la cicogna più rara in assoluto, con una stima attuale di meno di 500 esemplari rimasti in natura.

Grotta di Gomantong

Queste grotte calcaree si trovano sul fiume Kinabatangan e ospitano colonie di pipistrelli e milioni di rondoni, famosi tra gli appassionati di birdwatching! Infatti, i nomi delle due parti del sistema di grotte: la Simud Hitam (Grotta Nera) e, sopra di essa, la Simud Putih (Grotta Bianca) si riferiscono al tipo principale di nidi prodotti da questi iconici rondoni. Diversi tipi di martin pescatore e di uccello fatato asiatico sono anche un paio di punti di interesse qui.

Quando trovarli

I tour di esplorazione degli uccelli sono attivi tutto l’anno. Il momento migliore per voi dipenderà quindi dalle specie che desiderate incontrare. Da agosto a febbraio si nota la più ampia gamma di uccelli in visita. Settembre e ottobre sono il periodo ideale per avvistare gli arrivi dei migratori. Dal punto di vista meteorologico, i mesi da aprile a ottobre sono solitamente più secchi di quelli da novembre a marzo e il periodo più secco, da fine giugno a inizio agosto, è un ottimo momento per cercare gli uccelli nativi.

Conservazione

L’ecologia dei nostri cieli è importante quanto quella dei nostri oceani. Il Sud-est asiatico è una regione di particolare interesse ecologico per la sua elevata endemicità. Le specie endemiche sono specie autoctone di fauna selvatica che sono uniche in un’area definita. Queste specie poco comuni non potrebbero esistere senza le barriere forestali autoctone, che le iniziative di conservazione cercano di preservare.

La caccia sta causando il declino o l’estinzione locale di alcune specie di buceri. Questo problema è aggravato dal lento tasso di riproduzione degli uccelli e dal fatto che non si riproducono se non ci sono cavità adatte nei grandi alberi. Cinque delle otto specie di bucero del Borneo sono ora elencate come “quasi minacciate” nella Lista rossa delle specie minacciate dell’Unione internazionale per la conservazione della natura. I tour di turismo ornitologico svolgono il loro ruolo a sostegno della conservazione locale svolgendo le loro attività in modo sostenibile. Inoltre, le località che visitiamo richiedono una tassa di conservazione per sostenere il loro lavoro di protezione di queste specie vitali di uccelli.

Catturare il momento

Una volta pagata la tassa di conservazione, che vi permette di filmare e fotografare l’avifauna nei vostri dintorni, come fare per ottenere lo scatto migliore?

Obiettivi:

Non è necessario spendere per il kit di alta gamma che ci si aspetta da un giornalista del National Geographic. Equipaggiate la vostra DSLR con un teleobiettivo zoom da 300 mm, o addirittura 400 mm, sarà sufficiente per ottenere scatti di fauna selvatica davvero suggestivi.

Treppiede:

Un treppiede di qualche tipo permette di tenere ferma la macchina fotografica per i periodi di un’escursione ornitologica in cui si può rimanere fermi per un periodo di tempo più lungo.

Apertura:

Per poter scattare con una velocità dell’otturatore più elevata, l’ideale è un’apertura di f/4 o f/5,6. In questo modo si otterrà una ripresa più forte, tenendo il passo con un soggetto in movimento.

Velocità dell’otturatore:

Almeno 1/500 sec, o meglio ancora 1/1000 sec, eviterà le vibrazioni della fotocamera e consentirà di lavorare con movimenti improvvisi.

Focus:

Abilita l’autofocus continuo. Ciò significa che la fotocamera continua a mettere a fuoco ed è ideale per scattare immagini di uccelli rapaci. Quindi, per razze come gufi e martin pescatori, che hanno un aspetto fantastico in movimento, questo aiuta a ottenere lo scatto perfetto.

Contesto:

Può essere difficile distinguere l’avifauna quando lo sfondo dell’inquadratura è affollato. Quindi, considerate lo sfondo quando decidete quale angolazione utilizzare per catturare l’uccello.

Cornice:

Comporre un’immagine di un uccello in volo può essere impegnativo. Cercate di inquadrare l’uccello nel mirino, includendo lo spazio in cui volare. In questo modo si ridurranno le probabilità di perdere il momento!

Con così tante specie di uccelli che si possono incontrare durante il soggiorno nel Sabah, ogni viaggio è unico. Ci auguriamo che qualsiasi uccello vi accolga durante il vostro tour, possiate vivere momenti meravigliosi e scattare fotografie mozzafiato!

Carrello
Torna in alto