Casa | Blog | Fiume Kinabatangan – Alla scoperta del Borneo selvaggio con Borneo Dream (2a parte)

Fiume Kinabatangan – Alla scoperta del Borneo selvaggio con Borneo Dream (2a parte)

Divertitevi e rilassatevi al fiume Kinabatangan – Alla scoperta del Borneo selvaggio con Borneo Dream (parte 2)

Benvenuti a questa seconda parte della nostra saga di blog sul viaggio davvero fantastico che abbiamo fatto attraverso le foreste pluviali dell’incredibile Borneo e lungo il fiume Kinabatangan.

Quando si scopre la fauna selvatica di notte, che sia sopra o sotto la superficie, può essere un’esperienza meravigliosa.

Durante il giorno, a volte si può essere distratti da tutto ciò che si vede, ma di notte l’attenzione si concentra solo su ciò che si vede alla luce della torcia. I colori sembrano più brillanti, tutti i sensi si acuiscono, compresi l’udito e l’olfatto… si vive con un senso di eccitazione per ciò che ci aspetta.

Ora mettetevi nella splendida cornice della foresta pluviale tropicale lungo il fiume Kinabatangan, famoso in tutto il mondo, armati solo di un paio di scarpe da trekking robuste e di una torcia. È ora di partire per il nostro trekking notturno nella giungla.

Alla reception del Nature Lodge incontriamo ancora una volta la nostra impavida guida James, che ci fornisce un rapido briefing su salute e sicurezza. In sostanza, si tratta di cercare di ridurre al minimo il rumore per non spaventare la fauna selvatica e di camminare con attenzione lungo il sentiero, di scattare solo fotografie e di lasciare solo ricordi.

James ci assicura che in quest’area c’è ben poco che possa nuocerci, tuttavia il suolo della foresta ospita talvolta formiche rosse che potrebbero strisciare lungo le gambe dei pantaloni e dare un morso doloroso. Anche se non sono pericolose, se vi mordono è come essere punti da un’ortica nel Regno Unito: all’inizio è doloroso, poi è solo irritante. Ci ha detto che se incontriamo delle formiche rosse dobbiamo semplicemente allontanarci velocemente lungo il sentiero, perché possiamo muoverci molto più velocemente di loro!

Con le torce accese, ci inoltriamo nella giungla sul retro del nostro Kinabatangan Lodge e, mentre lo facciamo, ci imbattiamo in un cavo metallico che si estende da un capo all’altro del Lodge. James ci dice che questo è stato fatto per tenere gli elefanti fuori dall’area del Lodge, dato che a loro piace calpestare le cose!

Fiume Kinabatangan, bruco peloso
Godetevi una crociera sul fiume Kinabatangan con Borneo Dream, Kota Kinabalu, Sabah, Malesia.

Giungla fluviale del Kinabatangan – C’è molto di più di una semplice crociera fluviale

Il Kinabatangan Lodge è molto eco-compatibile in tutti i sensi, mentre passiamo davanti a un tratto di sottobosco ripulito che, secondo James, è stato destinato alla piantumazione di alberi. Una delle cose più belle che Borneo Dream, il Lodge, fa con i nostri clienti delle spedizioni scolastiche, è lavorare con le scuole sia della Malesia che dell’estero e questa è solo una delle cose che i ragazzi fanno per restituire qualcosa all’ambiente. Questo insegna ai nostri giovani come diventare i prossimi custodi della foresta pluviale e noi lo adoriamo!

Come per il trekking diurno, ci stiamo abituando a guardare in tutte le direzioni, anche in alto e in basso, perché non si sa mai cosa c’è là fuori che aspetta di essere scoperto. Dopo aver camminato per circa 10 minuti, James illumina con la sua torcia la linea degli alberi proprio sopra di noi, dove notiamo un paio di occhi che ci osservano. Le luci delle torce illuminano il martin pescatore dall’aspetto più maestoso, appollaiato su un ramo sporgente proprio sopra le nostre teste.

Questo è un Martin pescatore nano orientale e sfoggia un piumaggio tra i più colorati e vivaci che abbiamo mai visto. È davvero uno spettacolo splendido, è seduto perfettamente immobile sopra le nostre teste e non sembra nemmeno accorgersi della nostra presenza, creando così delle ottime opportunità fotografiche. Preferendo vivere in foreste densamente ombreggiate, questa varietà di martin pescatore è endemica in tutto il corridoio del Sud-Est asiatico e si nutre di una varietà di invertebrati, essendo completamente polivalente per cacciare sia nell’entroterra che lungo le rive dei fiumi.

Proseguendo il trekking ci imbattiamo in una vasta gamma di falene colorate tra il fogliame e altri insetti della giungla, tra cui insetti stecco, bruchi e lucciole. Anche in questo caso le nostre macchine fotografiche stanno andando in overdrive!

All’improvviso, James si ferma, guardando verso l’alto, attraverso la chioma della foresta e il cielo stellato. “Guarda. Lassù… tra gli alberi in cima”, sussurra. Facciamo brillare le nostre torce verso il cielo, ma non vedo nulla. Cerco di mettere a fuoco gli occhi e finalmente lo vedo, un paio di occhi arancioni color ambra che ci guardano dall’alto. Questo è un lemure.

Fiume Kinabatnagan, Ragno dalle gambe lunghe

Resi famosi soprattutto dal loro ruolo comico nei cartoni animati di Madagascar, c’è molto da imparare su questi primati reali che hanno fatto la loro casa nella foresta pluviale del Borneo.

In tutto il mondo esistono oltre 100 specie viventi di lemuri, ma la nostra piccola varietà pelosa del Borneo è il Lemure volante della Malesia ed è uno spettacolo molto raro. Anche se molto in alto nella chioma, il suo profilo è chiaro sullo sfondo del cielo notturno. Abili arrampicatori, questi piccoli e simpatici primati planano da un albero all’altro, avendo un grande lembo di pelle a forma di aquilone dal collo alle dita dei piedi che vive sulle foglie, ma non “volano” nel vero senso della parola.

Proseguiamo e James si guarda i piedi. “Formiche di fuoco”, sussurra, “Andiamo”. Non volendo diventare cibo per formiche, usciamo dall’area e ci dirigiamo verso una zona più profonda del sottobosco.

Improvvisamente, alla nostra sinistra, sentiamo il rumore di un ramo che si spezza e facciamo brillare le nostre torce nell’oscurità per trovarci praticamente faccia a faccia con lo spettacolo più sorprendente che abbiamo davanti.

All’altezza della vita, aggrappato ai rami di un ceppo d’albero, c’è un tarsio occidentale (noto anche come tarsio di Horsfield). Originario del Borneo e di Sumatra, il tarsio occidentale è completamente notturno, come testimoniano i suoi enormi occhi marroni.

Ha fatto delle pose assolutamente adoranti per la macchina fotografica e siamo stati molto contenti di avere l’obiettivo Nikon Micro montato sulla DSLR per ottenere alcuni scatti incredibili.

Con il suo naso da bambino e le sue zampe imbottite incredibilmente carine usate per aggrapparsi ai rami degli alberi, è sicuramente un fotografo straordinario e ci sentiamo incredibilmente privilegiati per essere stati nella stessa area di questo vulnerabile primate del Borneo.

Felici e onorati di essere stati così vicini alle meraviglie della natura della notte del Borneo, torniamo a malincuore al lodge con le schede piene di ricordi.

Tornati al lodge e nelle nostre camere, i suoni della giungla si sentono in sottofondo e, dopo una doccia tanto necessaria, ci addormentiamo perché l’avventura di domani inizierà presto con una crociera all’alba sul fiume Kinabatangan.

Il giorno seguente, alle 6 del mattino, con le batterie fresche e le schede di memoria pulite nelle macchine fotografiche, saliamo ancora una volta a bordo del nostro battello fluviale, indossando i giubbotti di salvataggio mentre la barca si allontana dal molo.

Una nebbia bellissima e stranamente inquietante aleggia sopra la linea di galleggiamento per tutta l’ampiezza del fiume, e l’aria profuma di fresco e di rinvigorimento, essendo stata ravvivata da un acquazzone mattutino.

Mentre torniamo indietro lungo il fiume, pensiamo con meraviglia alle attrazioni che incontreremo questa mattina lungo la riva del fiume, insieme a ciò che ci aspetta al Sepilok Orangutan Rehabilitation Centre e al Bornean Sun Bear Conservation Centre, rinomati in tutto il mondo, più tardi nel corso della giornata.

Sintonizzatevi per l’ultima puntata di questa incredibile serie la prossima settimana!

Fino ad ora, con affetto e augurio

Jo, Billy e il Borneo Dream Team xxx

Carrello
Torna in alto