Casa | Blog | Borneo Dream svolge un ruolo chiave nella bonifica delle reti killer

Borneo Dream svolge un ruolo chiave nella bonifica delle reti killer

Nei mesi di aprile e maggio 2018, abbiamo assistito a un massiccio aumento del numero di reti da pesca dismesse all’interno del Parco Marino. Queste reti hanno un impatto devastante sull’ambiente marino. Non solo si impigliano e alla fine portano all’annegamento di numerosi animali marini, ma danneggiano anche i fragili coralli.

Il problema è diventato così grave che il Sabah Parks, l’ente di conservazione a cui è affidata la manutenzione del parco, è stato sopraffatto. In risposta al problema, Borneo Dream ha fornito sommozzatori e attrezzature per aiutare Sabah Parks a rimuovere e recuperare queste “reti killer” dalle barriere coralline del parco.

Insieme ad altri volontari dell’industria subacquea qui a Kota Kinabalu, abbiamo tagliato attivamente e fisicamente le reti, portandole in superficie, documentandole e smaltendole. Ad oggi sono stati rimossi più di 300 metri di rete.

Rimozione delle reti killer e delle reti da pesca fantasma

Il lavoro di recupero delle reti è lungo. In primo luogo, le reti devono essere localizzate e contrassegnate. Poi i subacquei volontari commerciali e ricreativi scendono a coppie per trovare ogni estremità della rete recuperata. I pescatori attaccano dei “sacchi di sollevamento” che vengono parzialmente gonfiati per sollevare delicatamente le estremità della rete dal corallo, senza danneggiarlo. I subacquei lavorano quindi lungo la linea della rete, tagliandola via dal corallo man mano che procedono. Man mano che si spostano, attaccano altri sacchi di sollevamento e alla fine fanno galleggiare l’intera rete dal fondo.

Tuttavia, è un lavoro duro e ogni subacqueo trascorre circa 1 ora a tagliare per ogni immersione. In genere 10-12 subacquei “lavorano” una rete contemporaneamente, con alcune reti che misurano oltre 100 metri di lunghezza. I subacquei di Borneo Dream si sono tutti offerti volontari per partecipare al programma di recupero e sono stati alcuni dei più efficaci tagliatori di reti.

Unire le forze | Eliminare le reti killer

Fortunatamente, l’aumento dell’interesse ha creato una grande consapevolezza e un maggior numero di agenzie si sta impegnando. Oltre alla maggior parte delle società di immersione di Kota Kinabalu, anche la Malaysian Maritim (la polizia marittima) e la RMN (la Royal Malaysian Navy) stanno lavorando insieme ai Sabah Parks per contribuire a sradicare questo problema. Anche il Dipartimento della Pesca della Malesia è stato coinvolto attivamente e sono previsti diversi incontri per discutere il futuro del Parco. Inoltre, abbiamo chiesto l’aiuto e il sostegno del dottor Nick Pilcher della Marine Research Foundation. Le sue conoscenze e la sua esperienza sono di grande utilità per il programma.

Noi di Borneo Dream ci impegniamo a preservare questo bellissimo Parco e abbiamo ancora molto lavoro da fare. La pulizia delle reti continua e stiamo valutando la possibilità di collaborare con diversi gruppi universitari per pianificare l’impianto di nuovi coralli.

Carrello
Torna in alto