Casa | Blog | 5 consigli per sopravvivere alla scalata del Monte Kinabalu

5 consigli per sopravvivere alla scalata del Monte Kinabalu

Non ci sono due passi uguali, con lo scenario circostante che cambia ogni poche centinaia di metri per offrirvi una nuova vista mozzafiato del Borneo.

Informazioni sul Monte Kinabalu

La prima e forse la più importante cosa da sapere sul Monte Kinabalu è che si tratta della montagna più grande di tutto il Sud-Est asiatico. È alto 4.095 metri ed è circondato (e coperto nelle parti inferiori del percorso di arrampicata) da una fitta e rigogliosa foresta pluviale. È una sfida alpinistica molto apprezzata dai turisti e dagli abitanti del luogo, che considerano la vetta una grande avventura. Per aiutarvi a salire sul Monte Kinabalu, ci sono decine di tour operator (tra cui noi!) che gestiscono i trasporti, i servizi di guida e organizzano l’alloggio per la scalata. Per la maggior parte delle persone si tratta di un’escursione di due giorni, con partenza al mattino presto e pernottamento in una casa a castello a metà strada. Se vi alzerete abbastanza presto il secondo giorno, farete in tempo a vedere il sole sorgere sulle cime delle montagne – e credeteci, è un’esperienza che non dimenticherete in fretta!

#1 – Prendete l’attrezzatura giusta

Questa salita non è adatta ai deboli di cuore, quindi è necessario assicurarsi di avere tutto il necessario per stare al sicuro e mantenere le energie. Se siete in forma e in salute, dovreste aver bisogno solo di un’attrezzatura da arrampicata di base: non dovrete scalare pareti rocciose a strapiombo! Indossate abiti comodi che non assorbano l’acqua e che vi mantengano freschi e caldi se necessario. Si consiglia di assumere anche:

– Un piccolo zaino
– Giacca impermeabile e, se lo desiderate, pantaloni.
– Una torcia frontale per le prime ore del mattino
– Una bottiglia d’acqua: ci sono molti punti di rifornimento lungo il percorso.
– Spuntini ad alto contenuto energetico, compreso il pranzo
– Un kit di pronto soccorso di base, compresi i cerotti per le vesciche
– Calze da trekking spesse
– Abbigliamento pulito per il secondo giorno
– Il denaro
– Articoli da toilette di base – non dimenticate qualche antidolorifico per le gambe doloranti!
– Occhiali da sole (se siete molto fortunati)
– La vostra macchina fotografica: non vorrete perdervi nemmeno uno scatto!

Se non possedete già nulla di tutto ciò, non preoccupatevi. Nella città di Kota Kinabalu ci sono negozi di escursionismo e outdoor che possono fornirvi tutto il necessario.

#2 – Prepararsi al mal d’altitudine

Il mal d’altitudine può mettere in crisi qualsiasi scalatore, indipendentemente dalla sua esperienza o dal suo livello di forma fisica. Ne hanno sofferto tanti scalatori esperti quanti ne hanno sofferto gli esordienti, quindi non prendetela alla leggera. Invece, prendete le dovute precauzioni per non rovinare il vostro viaggio. Si possono provare diversi farmaci o tecniche (per saperne di più leggi qui), ma il modo ideale per evitare il mal di montagna è l’acclimatazione. Quindi, se potete, pernottate in alta quota prima della scalata, in un luogo come il Kinabalu Park, offerto come parte del nostro pacchetto di 3 giorni Mount Kinabalu Climb. Se durante la salita si avverte un senso di vertigine o di nausea, non bisogna sforzarsi di superarlo. Invece, rimanete fermi (non sedetevi o sdraiatevi) e vedete se dopo qualche minuto tornate alla normalità. In caso contrario, potreste dover abbandonare la scalata.

#3 – Prendetevi il vostro tempo

Quando si inizia la salita, la tentazione può essere quella di correre via, godendosi il panorama circostante e mantenendo lo sguardo fisso sulla cima. Ma quando si tratta del Monte Kinabalu, la politica migliore è quella della lentezza e della costanza. Il versante della montagna è scivoloso, coperto di umidità e di piante, ed è molto facile ferirsi. Assicuratevi quindi di mantenere un ritmo costante e di fare pause regolari (ma brevi). Fermarsi troppo a lungo può far raffreddare il corpo, rendendo molto più difficile proseguire. Durante la discesa, la gravità potrebbe farvi perdere peso, provate a camminare a zig-zag e ad appoggiare un po’ il peso del corpo all’indietro: questo ridurrà i dolori alle articolazioni e vi impedirà di scivolare.

#4 – Rimanere idratati

L’idratazione è molto importante nella vita di tutti i giorni, ma quando si tratta dello sforzo fisico e dell’altitudine di una scalata in montagna, è essenziale. Il Monte Kinabalu sarà anche un paradiso tropicale, ma tutta quell’umidità vi disidraterà ancora più velocemente! Il mantenimento dei liquidi è un elemento essenziale per mantenere le energie e sopravvivere a una salita. Secondo le nostre stime, dovrete bere almeno quattro o cinque litri d’acqua al giorno durante la scalata, quindi dovrete portare con voi una borraccia grande (o due più piccole) da riempire durante la scalata. Si consiglia inoltre di portare con sé delle pastiglie per la purificazione dell’acqua da utilizzare presso le stazioni di rifornimento, poiché la qualità dell’acqua può variare!

#5 – Recupero post-climb

Quando avrete terminato la discesa dalla montagna, vi sentirete esausti e pronti a crollare nel vostro letto e dormire per una settimana. E credeteci, dovrete farlo. Ma prima, fate una lunga e meritata immersione in un bagno caldo per rilassare i muscoli. Nei giorni successivi, è meglio continuare a muovere delicatamente le gambe mentre i muscoli si riprendono: provate a nuotare dolcemente nelle acque tropicali del Tunku Abdul Rahman Marine Park o a partecipare a un tour di snorkeling se vi sentite in grado di trovare anche Nemo!

Noi di Borneo Dream organizziamo un’ampia gamma di spedizioni di trekking nella giungla e di arrampicata in montagna, ideali per chi desidera ammirare le bellezze del Borneo dall’alto. Organizziamo regolarmente arrampicate guidate di 2, 3 o 4 giorni sul Monte Kinabalu, in modo che possiate godere al massimo dei panorami e dei suoni con un esperto al vostro fianco. Per saperne di più sulla famosa scalata del Monte Kinabalu o per prenotare la vostra spedizione, contattateci oggi stesso.

Carrello
Torna in alto